Paying Taxes 2020

Paying Taxes 2020

Foto di <a href="https://pixabay.com/it/users/cegoh-94852/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=3184798">Jason Goh</a> da <a href="https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=3184798">Pixabay</a>

Banca Mondiale e PwC pubblicano il 29 novembre 2019 il rapporto “Paying Taxes 2020”, che rileva e analizza i costi per imposte e tasse in capo alle imprese,
Il rapporto studia tra l’altro l’incidenza delle imposte in 190 economie.

L’Italia scende al 128° posto nella classifica generale su 190 partecipanti all’analisi.

I dati di maggiore interesse sono:

  • Aumenta il carico fiscale complessivo delle imprese “Total Tax & Contribution Rate”, pari al 59,1% dei profitti commerciali,
  • 238 le ore impiegate dalle imprese italiane per adempimenti fiscali, circa 28 giorni lavorativi,
  • ben 14 è i pagamenti pagamenti annuali .

Italia si mette in evidenza per lo sviluppo digitale a seguito dell’introduzione, ad esempio, della fatturazione elettronica e del sistema di interscambio (SDI). Altre Amministrazioni Fiscali hanno tempi di attivazione della Partita IVA ben superiori a quelle messe in campo dalla nosstra Agenzia delle Entrate.

In realtà quella percepità dalle micro, piccole e medie imprese è una tassazione ben superiore a quella rilevata dallo studio,

Infatti una ricerca uscito il 27/11/2019, condotta da Mediobanca, sulle cosidette WebSoft, ovvero le multinazionali del Web, mette in evidenza che queste ultime pagano, grazie alla loro organizzazione sottopongono a tassazione il 50% del loro utile in paesi a fiscalità agevolata, avendo un Tax Rate effettivo pari al 14,01%.

Trattandosi di una aliquota media, quella rilevata da Banca Mondiale e PwC, siamo nel paradosso statistico dei polli, ovvero: se A mangia due polli e B nessun pollo, statisticamente A e B hanno mangiato un pollo a testa, ma in realtà non è così.